In Provincia - Presentati i concorsi regionali per le scuole "Mi voglio donare" e "Talent Doniamoci"

(Cittadino e Provincia) – Perugia, 12 febbraio ‘20 – Far crescere la cultura del dono, coinvolgendo in particolare i giovani. E’ questo l’obiettivo principale dei concorsi regionali per le scuole “Mi voglio donare” e “Talent Doniamoci”, promossi dal Centro Regionale Trapianti e Ufficio Scolastico regionale in collaborazione con le associazioni A.I.D.O., A.N.E.D., Avanti Tutta e A.V.I.S., presentati questa mattina nella sala Pagliacci della Provincia di Perugia.
Ad aprire la conferenza stampa sono stati i saluti del vice presidente della Provincia di Perugia, Sandro Pasquali: “In una società che spesso tende a chiudersi in se stessa dobbiamo trovare il coraggio di stare uniti e volersi bene. Creare una rete sociale che ci sostiene è il miglior modo per affrontare le ‘ingiustizie’ e le difficoltà quotidiane. L’idea del ‘donarsi’ vista come principio, per cui ognuno di noi mette in campo se stesso in relazione agli altri, rappresenta un metodo per impegnare degnamente la vita. È verso progetti di questo tipo che bisogna concentrare le nostre forze quotidiane”.
I due concorsi, rivolti agli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado, e agli studenti universitari, sono stati pensati come stimolo di confronto e di elaborazione del concetto civile del volontariato e della donazione e rientrano nel progetto-evento “Doniamoci”, previsto nei giorni 8 e 9 maggio, che ha come obiettivo la promozione della cultura del dono, soprattutto tra le nuove generazioni.
“Il progetto quest’anno amplia la platea delle associazioni e fa un ulteriore salto di qualità – ha riferito l’assessore alle politiche sociali del Comune di Perugia, Edi Cicchi -. Le associazioni di volontariato rappresentano un nodo fondamentale dei servizi istituzionali. Nel tema della donazione non rientrano solo il sangue e gli organi, ma anche il concetto di tempo, una risorsa preziosa e necessaria messa a disposizione degli altri. Proprio per questo è un bene coinvolgere anche il mondo della scuola, per crescere dei giovani sensibili che sanno donare”.
“Una seconda edizione più ampia, che vede coinvolte tante associazioni, le scuole e le istituzioni - ha detto Atanassios Dovas, Coordinatore Centro Regionale Trapianti -. La donazione intesa anche come donazione di tempo è il tema centrale di tutto il progetto. Stiamo lavorando in sinergia con una comunicazione giovane rivolta soprattutto ai giovani”.
I due concorsi sono poi stati illustrati in maniera dettagliata dalla referente per la scuola del progetto “Doniamoci”, Isabella Giovagnoni.
Il concorso “MI VOGLIO DONARE” è alla sua seconda edizione ed è rivolto agli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado della Regione Umbria. I concorrenti potranno presentare lavori individuali, di gruppo o di classe sviluppando il tema sotto forma di racconto, poesia, disegno, modellazione, fotografia e videoclip. La partecipazione al concorso è gratuita e saranno ammessi solo lavori originali ed inediti. La valutazione è rimessa ad un’apposita giuria, formata da tre componenti.
I premi previsti per i vincitori sono divisi in base alle categorie e alle scuole: per le categorie “racconto, poesia, disegno, modellazione, fotografia” per la scuola secondaria di I grado: I premio € 300 - II premio € 200 - III premio € 100; per la scuola secondaria di II grado: I premio € 400  - II premio € 300 - III premio € 200. Per i Videoclip, invece, un unico premio di € 500 del Comune di Perugia. 
La premiazione di questo concorso si terrà la mattina dell’8 maggio alla Sala dei Notari di Perugia.
“DonarSI”, invece, più che un concorso è un vero e proprio talent, che si svolgerà dal vivo la sera dell’8 maggio al “Cantiere 21”, a Perugia.
Potranno partecipare singoli studenti o gruppi e proporre ogni tipo di arte dello spettacolo: musica, canto, recitazione, ballo, magia e altro ancora.
Il concorso intende valorizzare l’espressione del dono nei suoi innumerevoli aspetti: dalla donazione di tempo, con il supporto alle attività educative per bambini e ragazzi, istruzione ed educazione sportiva, volontariato negli ospedali, istituti per anziani o pazienti con varie disabilità, interventi nell'emarginazione sociale, alla donazione di sangue, midollo osseo, sangue del cordone ombelicale, fino alla donazione di organi e tessuti. La partecipazione al concorso è gratuita ed è rivolto agli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado della Regione Umbria e agli studenti dell’Università degli Studi di Perugia. Per il vincitore è previsto un unico premio di € 1.000.
La serata dell’8 maggio si svolgerà come un vero e proprio Talent Show in cui i ragazzi si esibiranno sul palco con varie performances di circa dieci minuti. Le esibizioni potranno contenere musiche e testi editi o non editi, che saranno esaminati da un’apposita giuria che voterà. Non solo talent, ma anche ospiti e tanto spettacolo e musica, con momenti di intrattenimento e divertimento.
Per entrambi i concorsi la scadenza per la consegna degli elaborati è stata stabilita entro il 27 marzo.
“DonarSi” e “MI VOGLIO DONARE” rientrano in un più ampio progetto “DONIAMOCI”, che ha come obiettivi: promuovere la cultura del dono sensibilizzando la popolazione del territorio alla donazione; avviare un rapporto di cooperazione tra le varie associazioni di volontariato,
Di seguito, infatti, sono intervenuti i rappresentanti delle quattro associazioni protagoniste del progetto “Doniamoci”.  “La scuola è il futuro della società e anche dell’associazionismo – ha sottolineato Fabrizio Rasimelli, Presidente Avis Perugia -. Come Avis il nostro ruolo sarà proprio quello di coinvolgere e dialogare con le scuole e i giovani che come ogni volta rispondono con grande entusiasmo”.
“Leonardo è stato sempre in mezzo ai giovani e nelle discoteche – ha detto Federico Cenci dell’Associazione Avanti Tutta, ricordando suo fratello – per questo come Avanti Tutta ci siamo presi l’impegno di organizzare la serata dell’8 maggio presso il Cantiere 21, che sarà rivolta ai giovani”.
“DONIAMOCI – ha detto Laura Ciacci, segretario Comitato Regionale ANED – è una parola forte che ci vede abbracciati in qualcosa di costruttivo per la società. Come Aned ci occuperemo nello specifico di organizzare degli eventi sportivi, per far passare il messaggio che lo sport è vita, anche per un trapiantato. Tra gli eventi in programma ce ne è uno molto importante il 10 maggio, che ci vedrà protagonisti della Grifonissima, con una delegazione nazionale di trapiantati”.
A sottolineare l’importanza di questo progetto è stato anche Gabriele Rondini, Presidente A.I.D.O. Sezione Provinciale di Perugia, che ha specificato che la propria associazione si occuperà di coordinare la rete associazionistica all’interno del progetto, nel corso di tutto l’anno.


Ast20002.IC