Controlli e verifiche di impianti termici

La Legge 10 del 9.1.91, riguardante le norme per l’attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell’energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia, ha, all’ art. 31, delegato i Comuni con più di 40.000 abitanti e le Province per la restante parte del territorio, ad effettuare i controlli per l’effettivo stato di uso e manutenzione degli impianti termici.

Questo determina che la Provincia di Perugia ha un territorio di competenza di 57 Comuni per un totale di (stime ISTAT) circa 100.000 impianti termici da controllare e verificare.

Nell’ambito di detti controlli, il ruolo della Provincia di Perugia sarà sicuramente teso verso la prevenzione indirizzata alla messa a norma degli impianti e al rispetto delle disposizioni vigenti in ambito di gestione degli stessi, piuttosto che alla sfrenata ricerca di eventuali trasgressori.

L’obbiettivo che si pone la Provincia di Perugia è quello che, nel breve giro di pochissimi anni, tutti gli impianti termici siamo sicuri e allo stesso tempo rendano al massimo per contenere i consumi di energia.

Nel 1998 la Provincia, tramite il Servizio Sicurezza e Prevenzione e ufficio controlli impianti termici, ha  iniziato i controlli sugli impianti termici con potenzialità superiore a 116 KW (100.000 Kcal).

Dal  settembre 2001 si sono iniziati i controlli degli impianti inferiori a 116 KW e quindi anche a quelli sotto 35 KW cosiddetti di civile abitazione; ne saranno controllati circa il 5 % per quanto riguarda gli impianti che si sono autocertificati tramite dichiarazione di rispondenza ( ora dopo il DPR 551/99 allegato H) e saranno controllati il 100 % degli impianti non autocertificati.

Attualmente vengono controllati circa 4000 impianti all’anno. Il costo di tali verifiche che, come stabilito dalla Legge, è a carico del verificato, viene stabilito in € 46,48 per impianti fino a 35 Kw e in € 67,14 per impianti superiori a 35 Kw a verifica, e sarà pagato tramite apposito bollettino postale rilasciato dal tecnico verificatore . Tale verifica sostituirà ( per quanto riguarda la sola analisi di combustione e non il controllo annuale) quella effettuata dal manutentore per il periodo di:

§            anni 2 per impianti di potenzialità inferiore a 35 KW

§            anni 1 per impianti di potenzialità compresa tra 35 e 350 KW

§            mesi 6 per impianti di potenzialità superiore a 350 KW

Detti impianti saranno verificati con personale specializzato e  all’uopo formato tramite  corso per Verificatore di Impianti termici  e relativi tirocini tecnico-amministrativi.

I verificatori Provinciali saranno identificabili mediante tesserino di riconoscimento rilasciato dalla Provincia di Perugia.

I controlli saranno, come previsto per Legge, sulla corretta effettuazione delle previste operazioni di controllo e manutenzione annuali sugli impianti e sulle periodiche analisi di combustione per verificare che il rendimento del generatore e le emissioni di monossido di carbonio (CO) in atmosfera, rientrino nei limiti prefissati dalla vigente normativa.

Tali operazioni saranno controllate nel LIBRETTO DI IMPIANTO per gli impianti di potenzialità inferiore a 35 KW e sul LIBRETTO DI CENTRALE per gli impianti di potenzialità superiore.

Nel caso di rifiuto a consentire i controlli di cui sopra da parte dell’ utente, l’Ente competente, ai sensi del DLGS n. 164 del 23.05.2000, richiederà all’Azienda erogatrice del combustibile di sospendere la fornitura.

Dal settembre 2003 sono operativi il nuovo libretto di impianto e di centrale che prevedono che l’installatore (per gli impianti di nuova costruzione) ed il manutentore (per gli impianti esistenti al 1.9.03), compilino i nuovi libretti ed inviino alla Provincia la prima pagina di detti libretti insieme all’allegato H ove sono riportati i dati del controllo periodico da loro effettuato sul generatore di calore.

Tale operazione permetterà, nel corso di circa un anno, di avere un nuovo e più attendibile catasto degli impianti termici che permetterà la regolare continuità delle verifiche e dei controlli.

FAQ
Showing 1 result.
fileIcon
Risposte a Domande Frequenti
MODULISTICA
No articles were found.
NORMATIVA
Showing 7 results.
fileIcon
Aggiornamenti agli all. F e G del D.P.R. del 26 agosto 1993 n. 412, recante norme per la proget., l'instal., l'esercizio e la manutenz. degli imp. ter. degli edifici, ai fini del contenimento dei consumi di energia. (Nuovo Lib. di Centrale e di Impianto)
fileIcon
Regolamento recante norme per la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini del contenimento dei consumi di energia, in attuazione dell'art. 4, comma 4, della Legge del 9 gennaio 1991, n. 10.
fileIcon
Regolamento di attuazione della legge 5 marzo 1990, n. 46, in materia di sicurezza degli impianti.
fileIcon
Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, in materia di progettazione, installazione, esercizio e manutenzione degli impianti termici degli edifici, ai fini del contenimento dei consumi di energia.
fileIcon
Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia
fileIcon
Norme per la sicurezza degli impianti
fileIcon
stabiliti dal decreto 311-06 aggiornato con D.M. 26.06.2009 Art. 7 mod allegati al D.lgs 192-2005 e s.m.i